• Login

Come si spiegano i RAEE ai bambini?

Dunque, cosa sono i RAEE?

In casa ne avrete sicuramente tanti: si attaccano alla spina della corrente o funzionano con le pile… Per chiarezza, dividiamo i RAEE in 5 raggruppamenti.Tutti questi apparecchi, quando non li usate più e volete disfarvene, diventano RAEE.

Preservare le risorse naturali con il riciclo

Bene, la cosa che dovete sapere è che tutti questi apparecchi sono composti di risorse naturali: ovvero materiali preziosi che vengono dalla Terra.
Prendiamo, ad esempio, un tostapane: è composto principalmente di plastica, ferro, alluminio, rame. Sono tutte risorse che prendiamo dalla Terra, ma che, dicono gli scienziati, nel futuro potranno esaurirsi. Si possono però riciclare, cioè si possono prendere la plastica, l’alluminio, il rame, il ferro e le altre componenti del tostapane e riutilizzarle per fare nuovi apparecchi elettrici o altre cose.
Da questa volontà di riciclare viene la necessità di separare i RAEE dagli altri rifiuti.

Dove si trovano i contenitori dei RAEE?

I contenitori dei RAEE si trovano solo all’interno dei centri di raccolta. Questo perché i RAEE contengono materiali riciclabili e preziosi (pensate che in alcuni RAEE, ad esempio nei computer e nei cellulari, c’è anche dell’oro e del platino) ma anche sostanze inquinanti (come i clorofluorocarburi responsabili del buco nell’ozono) e tossiche (come il mercurio) altamente nocive per noi e per l’ambiente.
Quindi, un RAEE non si getta mai nei contenitori della raccolta differenziata, né si abbandona mai, buttandolo per strada o in altro luogo. Se infatti guardate bene, in qualsiasi RAEE c’è un simbolino, che è un contenitore con sopra una croce, che vuol dire esattamente questo: mai buttare un RAEE dove gettiamo gli altri rifiuti.
I RAEE, dal più piccolo, come un caricabatterie del cellulare, al più grande, come il frigorifero, vanno portati al Centro di raccolta. In Italia ne esistono oltre 3.700. Dal Centro di raccolta i RAEE verranno portati in luoghi chiamati Impianti di Trattamento, in cui le sostanze preziose e riciclabili verranno separate da quelle nocive, nel pieno rispetto dell’ambiente.

Qualcuno conosce l’UNO CONTRO UNO?

L’altro modo per buttare un RAEE si chiama UNO CONTRO UNO. Possiamo infatti consegnare le nostre apparecchiature elettriche ed elettroniche non più funzionanti nel negozio o nel supermercato quando ne compriamo una nuova.
Questo comodo sistema si chiama, lo ripetiamo, “RITIRO UNO CONTRO UNO”.
Il negoziante ritirerà gratuitamente il prodotto non più funzionante e si occuperà della corretta gestione del rifiuto. Ma non è tutto! In alcuni negozi di elettronica più grandi, potete lasciare il vostro piccolo RAEE, senza acquistarne uno nuovo! Questo sistema si chiama UNO CONTRO ZERO.
Quindi, come si butta un RAEE? Ci sono 2 modi: o portandolo al Centro di Raccolta o consegnandolo al tuo negoziante (con L’UNO CONTRO UNO o, in alcuni casi, con L’UNO CONTRO ZERO).
Tutto chiaro? Quindi, da oggi, niente più scuse, buttiamo bene i RAEE, per il bene dell’ambiente e del nostro futuro!

Guarda un esempio di lezione introduttiva!

Cosa sono i RAEE?

La brochure Studenti delle 
Elementari

Scarica la brochure, dove potrai leggere un modello di lezione sul tema RAEE. 

Senza-titolo-4

Scarica la brochure

La brochure Studenti delle Medie 

Scarica la brochure e fai il RAEE TEST per vedere se hai capito come si gestiscono!

TESt

Scarica la brochure

 

 

 

 

 

 

    lavatrice-raee

Comunicazione per gli insegnanti:

– Il kit per gli alunni sarà presente nelle scuole 1 settimana prima della data d’inizio della raccolta. Il contenitore sarà invece presente nella scuola a partire dal giorno prima della data d’inizio della raccolta.

– Gli insegnanti che desiderano portare la classe alla conferenza stampa locale  sono pregati di segnalarlo inviando una e-mail al seguente indirizzo: raeescuola@ea.ancitel.it

– Il giorno della conferenza stampa locale coinciderà con il primo giorno di inizio raccolta nelle scuole aderenti all’iniziativa. La raccolta durerà  3 settimane.

Vai alla barra degli strumenti